DIETA MIMA DIGIUNO? COS’E’?

dieta mima digiuno prolon

Per oltre 30 anni il Prof. Umberto Veronesi e il suo allievo Prof. Valter Longo (Direttore del programma di ricerca di Longevità e Cancro presso l’Istituto di Oncologia Molecolare IFOM di Milano e Direttore dell’Istituto sulla longevità, presso l’Università del sud California), hanno condotto una ricerca in materia d’invecchiamento e di malattie correlate all’avanzamento dell’età.
Nei loro studi hanno analizzato la dieta seguita dagli ultracentenari sparsi in giro per il mondo (Costa Rica, Grecia, Okinawa, Sardegna e Calabria).

Dalle indagini condotte è emerso che a garantire la lunga vita ai soggetti esaminati è un mix di fattori tra cui una dieta con basso consumo di proteine animali, che sembrano infatti avere un ruolo importante nello stimolare i processi di invecchiamento e degenerativi.
La costante di queste popolazioni è un’alimentazione ricca di vitamine, ma soprattutto alternanza settimanale di giorni di alimentazione normale a giorni di ipo-alimentazione (di solito forzata).
In particolare il Prof. Longo, attraverso rigorosi studi scientifici, ha capito cosa rendeva più longeve queste popolazioni, individuando un protocollo alimentare di base che replicasse la parte più positiva delle sane abitudini.
Questo protocollo, chiamato MIMA-DIGIUNO, è caratterizzato da un preciso bilanciamento tra macronutrienti (proteine, grassi, zuccheri, fibre), micronutrienti (vitamine e minerali) e kcal, combinati in maniera tale da permettere di “ingannare” l’organismo simulando un digiuno.
La Mima Digiuno porta le cellule a passare dal loro normale metabolismo, che brucia carboidrati come gli zuccheri, a metabolizzare gli acidi grassi.
E’ un programma alimentare che, in SOLI 5 gg, inducendo le cellule a metabolizzare gli acidi grassi al posto del glucosio, porta all’eliminazione delle cellule più vecchie con un processo chiamato apoptosi. Avviene così un forte ricambio cellulare, un rinvigorimento della massa muscolare e l’eliminazione della massa grassa viscerale.
E’ molto interessante la parte dimagrimento, ma non è stato il motivo primario dello studio, bensì una conseguenza (assolutamente positiva). La possibilità di sentirsi, mi piace dire “resettati”, è un beneficio di cui non dobbiamo privarci.

Per info:
francesco@peperosa.life
https://peperosa.life/aziende

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *